“CBD PER UNA BUONA NOTTE DI SONNO”

Sempre più medici e articoli sul tema, affermano che una buona notte di sonno è uno dei fattori essenziali per una vita sana ma anche il più trascurato. Quindi cosa potrebbe aiutarci a dormire meglio?

È ormai un dato di fatto che avere un programma di sonno regolare porta dei benefici e sempre più persone stanno cominciando a prendere in considerazione di cambiare le proprie abitudini in meglio.

In questo articolo, Alan Wood, fondatore di Weekend Gardener, spiega come il CBD possa essere un efficace aiuto per raggiungere il traguardo di una proficua notte di sonno.

Per coloro che soffrono di insonnia, L’estratto di olio di cannabis sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo. Il componente principale, il CBD, è anche l’ingrediente principale alla base dei trattamenti verso pazienti con ansia, PTSD e affetti da altri disturbi legati allo stress che contribuiscono oltretutto alla mancanza di sonno.

Se hai mai considerato di provare il CBD per affrontare i problemi legati al sonno, allora sei fortunato. Questo articolo infatti fà luce sugli effetti che il CBD ha sulla sfera del sonno e spiega in quali e quante diverse forme si possa assumere.

I vantaggi dell’utilizzo del CBD

Il cannabidiolo (CBD) influenza direttamente il sistema endocannabinoide di una persona che svolge un ruolo significativo nella regolazione di varie peculiarità:

  • Fertilità
  • Memoria
  • Dormire
  • Appetito
  • Funzioni del fegato e del sistema riproduttivo

La pianta di cannabis Sativa ha due componenti noti: cannabidiolo e tetraidrocannabinolo (THC). Quest’ultimo offre ai consumatori un alto e rapido riscontro a livello psicoattivo essendo la sua proprietà principale a differenza del cannabidiolo. L’utilizzo del CBD viene però preferito in quanto si sono scoperti maggiori benefici per la salute a lungo termine come ad esempio:

  • Riduzione del dolore e dell’infiammazione causati dall’artrite
  • Il possibile restringimento dei tumori cancerosi
  • Una riduzione del dolore correlato al cancro
  • La prevenzione di emicrania e mal di testa
  • Sollievo dal dolore cronico

L’ansia è la causa principale dei nostri disturbi del sonno e può degenerare in problemi ancora più gravi come l’insonnia. Il CBD offre importanti benefici sia per il corpo che per la mente.

SONNO? CBD!

Sebbene il numero di ricerche sull’argomento sia solo all’inizio e sia in continuo aumento, i risultati dell’uso del CBD mostrano un futuro promettente per altri problemi di salute come, secondo il New England Journal of Medicine, l’epilessia e, eventualmente, aiutare appunto un paziente a dormire meglio.

La relazione tra CBD e sonno

I motivi per cui le persone hanno difficoltà a dormire sono molteplici. Può essere dovuto a problemi mentali (depressione, ansia, disturbo post traumatico da stress), ad alcuni medicinali, all’assunzione continua di bevande contenenti caffeina e persino a fattori esterni come ad esempio il rumore.

In alcuni casi inoltre gli episodi di insonnia possono essere dovuti all’ansia e sebbene la ricerca sul CBD abbia ancora molta strada da fare, i risultati suggeriscono che questo componente della Cannabis possa andare ad agire proprio sulla sia.

Lo studio a riguardo, condotto da Scott Shannon, MD et al. ha coinvolto 72 pazienti: 47 soggetti affetti da ansia mentre i restanti 25 con difficoltà a dormire. I risultati hanno mostrato che l’assunzione di una pillola da 25 mg di CBD nel primo mese ha portato a far affermare al 79,2% dei partecipanti che il CBD ha provocato livelli più bassi di ansia mentre al 66,7% che il CBD ha offerto loro un’esperienza di sonno migliore.

Un altro fattore che può contribuire all’insonnia è il dolore, in qualsiasi forma. Uno studio condotto da Frontiers in Pharmacology ha riferito che il CBD aiuta a ridurre il dolore e il conseguente disagio provato durante il sonno.

In un altro studio di ricerca sul morbo di Parkinson condotto nel 2014 da ricercatori dell’Università di San Paolo, in Brasile, i pazienti avevano un disturbo del comportamento del sonno REM (RBD). In questa particolare fase del sonno i pazienti agivano attivamente in risposta ai loro sogni e faticavano a dormire. Con l’uso del CBD i sintomi sono notevolmente migliorati.

Un altro progetto di ricerca pubblicato su Springer Nature ha concluso che l’assunzione di CBD potrebbe aiutare persino a trattare il disturbo e la sonnolenza diurna.

Le diverse forme in cui è possibile assumere CBD

Lo svapo non è l’unico modo per incorporare il CBD nel tuo sistema. Esistono altri modi con i medesemi risultati anche se potrebbero esserci differenze nella quantità di tempo impiegata dal prodotto per fare effetto sul sistema. Prima di acquistare prodotti a base di CBD, assicurati che i prodotti siano a base di CBD organico, testati in laboratorio e coltivati negli Stati Uniti.

Olio di CBD a spettro completo o ampio

L’olio è la forma in cui si può assumere CBD con il più alto componente di cannabinoidi tra tutti. L’olio di CBD ad ampio spettro infatti non subisce processi particolari  e assumendolo nella sua forma naturale, aiuta a preservare un composto chiamato terpeni. Quest’ultimi oltre ad avere il loro valore benefico per la salute, contribuiscono al profumo e al gusto del CBD.

CBD commestibili

Diversi produttori vendono CBD commestibile sotto forma di gomme, caramelle o mentine utilizzate specialmente da pazienti geriatrici. Tuttavia, l’inassunzionr con questa modalità non è rapida come per l’olio o lo svapo. Il CBD infatti prima di arrivare al GIT passa attraverso il fegato ed è un processo che può richiedere fino a due ore, con un assorbimento solo del 20-30%.

CBD sublinguali

I  prodotti sublinguali sono eccellenti alternative ai commestibili se non si desidera avere a che fare con zuccheri e conservanti. Questi prodotti variano da diversi spray a specifici oli che vanno assunti oralmente sotto la lingua

Cose da ricordare quando decidi di usare il CBD:

  • Iniziare sempre con la dose più bassa indicata sull’etichetta;
  • Se si desidera aumentare il dosaggio, consultare il proprio medico;
  • Non esitare a mescolare il CBD con i tuoi farmaci attuali e aumentare gradualmente i livelli con la supervisione del tuo medico.

Leave a Reply

Your email address will not be published.